Digitalkids

Videogiochi, siti, libri, reti sociali, incontri per vivere in famiglia l'era digitale

I valori famigliari secondo Jesper Juul

“Cos’hai fatto oggi all’asilo?” “Hai mangiato tutto?”, “E’ stata una bella giornata?”. Tipiche domande di una mamma apprensiva all’uscita della scuola materna. Secondo Jesper Juul, terapeuta familiare danese, autore del recente “La famiglia che vogliamo” (Urra/Apogeo, 11 euro), le risposte di un bambino sano ed equilibrato dovrebbero suonare più o meno così: “te lo dirò quando avremo ristabilito un vero contatto tra di noi. Non ho nessuna voglia di fare rapporto”, oppure “cos’è una bella giornata? Ti interessa anche se ho passato una giornata tremenda o me lo chiedi solo per metterti la coscienza a posto?”. Spesso, spiega Juul, con i nostri figli noi non ci mettiamo veramente in gioco, ma preferiamo recitare un ruolo e questo ci rende impossibile una reale comunicazione con loro. L’autenticità, secondo l’autore, è invece uno dei valori fondamentali che permettono a una famiglia di funzionare. Insieme a essa ci sono l’integrità e la responsabilità, che consentono a ogni componente di poter esprimere le proprie emozioni con libertà nella certezza di vederle accolte, se non assecondate completamente. Fondamentale è poi il ruolo di guida dei genitori, che per Juul è un diritto (dice proprio così) dei nostri figli almeno fino all’età di 18-20 anni. Il padre e la madre fino a quell’età sono come dei fari, che a intervalli regolari emettono segnali in grado di evidenziare la giusta via. Non ci sono scuse valide per sottrarsi a questa responsabilità. Fuori e dentro Internet.

Stefania Garassini

Updated: 9 maggio 2010 — 15:05

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Digitalkids © 2013 Frontier Theme