Digitalkids

Videogiochi, siti, libri, reti sociali, incontri per vivere in famiglia l'era digitale

bambini

Freestyle pc: e il bambino naviga senza rischi

FreestylePcForKids1g.r. – Un uovo di Colombo: una chiavetta usb che si collega alla porta del pc e schiude un “giardino” in cui un bambino può aggirarsi senza rischi e, invece, divertendosi con scoperte e stimoli positivi.

Si chiama  Freestyle pc e lo si deve a Stefano Tagliabue, fondatore di Freestyle Pc for Kids, un progetto informatico per bambini, dai 3 ai 10 anni su ciò si possono trovare maggiori informazioni qui. Sul sito si può anche acquistare la chiavetta direttamente).

Si tratta di un sistema operativo (basato su Linux) personalizzato per i più piccoli, “inserito” in una chiavetta USB. La chiavetta si inserisce nel pc, il sistema parte, e poi si estrae quando si vuole smettere di usarla (e il pc torna esattamente come prima). In questo modo, quando si inserisce la chiavetta, i bambini possono trovare su qualsiasi pc dei propri genitori un ambiente digitale in cui muoversi e sperimentare.
Tagliabue ha dedicato due anni al progetto, con un’insegnante e una psicologa, e lo ha lanciato ufficialmente un paio di mesi fa.
A testimoniare quanto l’iniziativa sia interessante, in un mese e mezzo sono giunti circa mille ordini dall’Italia (e dal Canada, Belgio, Olanda, UK, Svizzera, Germania e Francia), senza investimenti pubblicitari.
All’interno della chiavetta si trovano 400 giochi e percorsi educativi, una suite “Office” per bambini, un browser sicuro e un’area dedicata all’apprendimento della lingua inglese.

Milano, tecnologie digitali per bambini al Museo diocesano di Milano

MUSEO DIOCESANO_CHIOSTROg.r. – Ho ricevuto questo invito che mi pare molto interessante e piacevole.
Al via venerdì 19 Il Chiostro dei bambini al Museo Diocesano di Milano: 3 giorni di arte e musica a misura di bambino con 40 laboratori gratuiti, giochi e spettacoli teatrali.
Domani in programma un confronto sul tema “Tecnologie digitali nella didattica museale per bambini”.
 

DA VENERDI’ 19 A DOMENICA 21 SETTEMBRE 2014

AL MUSEO DIOCESANO DI MILANO TORNA

 

IL CHIOSTRO DEI BAMBINI

Per tre giorni il Chiostro del Museo Diocesano si trasforma

in una fiera dell’arte e della cultura a misura di bambino

con 40 laboratori didattici di arte e musica gratuiti

 

Milano, settembre 2014. Il Museo Diocesano di Milano, da venerdì 19 a domenica 21 settembre 2014, presenta Il Chiostro dei bambini, la seconda edizione della fiera dedicata ai bambini dai 3 ai 14 anni e alla loro formazione. Continue reading “Milano, tecnologie digitali per bambini al Museo diocesano di Milano” »

Vendemmia per bimbi nell’Emilia verdiana: invito per famiglie

Nelle Terre Traverse dell’Emilia contadina di Giuseppe Verdi

tre week-end lunghi tra cultura ed enogastronomia

con al centro la Vendemmia dei bambini

 

Week-end 5-6-7, 12-13-14 e 26-27-28 Settembre 2014

 

Tra le attività del suo ricco calendario annuale di proposte culturali ed enogastronomiche intitolato Terra di Pianura. Questa terra è un’opera d’arte, l’Associazione culturale di aziende agricole Le Terre Traverse (www.terretraverse.it) propone – nel territorio verdiano del piacentino al confine con il parmense in cui il grande musicista visse tutta la vita – un’originale iniziativa dedicata alle famiglie: La vendemmia dei bambini.

Organizzata in collaborazione con Slow Food Piacenza presso l’Azienda agricola e agrituristica La Quercia Verde di Alseno nelle giornate di Domenica dei week-end lunghi del 5-6-7, 12-13-14, 26-27-28 Settembre, La vendemmia dei bambini si proporne, secondo Gianpietro Bisagni, Presidente delle Terre Traverse, “di avvicinare bambini e ragazzi, in particolare quelli che vivono in città, alla vita di campagna, da cui le nuove generazioni sono vieppiù escluse, proponendo loro di sperimentare, divertendosi, una delle più antiche e importanti attività del mondo contadino”.

Dopo una breve lezione in vigna sugli elementi base della viticoltura – che cosa sono pampini, cirri, tralci e vinaccioli, da dove vengono colore e tasso alcolico del vino e come si utilizzano gli “scarti” –, i ragazzi si metteranno all’opera con le apposite forbici, scegliendo i grappoli maturi, imparando a ripulirli dagli acini sciupati, a riporli senza danneggiarli nelle cassette sistemate tra i filari, a caricare queste ultime sui carri per il trasporto alla cantina, dove l’uva verrà scaricate nelle “navasse”, le vasche rettangolari per la pigiatura all’antica maniera, ovvero quella con i piedi, entusiasmante momento ludico collettivo, per concludere l’esperienza con il trasferimento del mosto nei tini. A seguire, gare, giochi, percorsi di equilibrio e attività avventura nel bosco attrezzato del’Agriturismo. Continue reading “Vendemmia per bimbi nell’Emilia verdiana: invito per famiglie” »

Kirby: una fiaba interattiva e una console meno nevrotica di tablet e smartphone

INVITO Nintendo[13]-1

g.r. – Sono stato invitato, oggi, a una conferenza stampa del videogioco “Kirby: Triple Deluxe”, per Nintendo 3DS. E’ stata l’occasione per ragionare sugli usi positivi dei videogiochi su questa console touch screen, messi in mano ai bambini. Ecco alcune considerazioni sul tema:

La “nuova alfabetizzazione” di Nintendo DS

 

Nel 2004 la console Nintendo DS ha guidato la “migrazione linguistica” verso il touch screen, di cui è stata la capofila. Oggi, dieci anni dopo, la stessa console apre quella che potremmo chiamare la “nuova alfabetizzazione” dell’interazione di qualità.

Infatti non tutti i touch screen sono uguali. Sebbene gli schermi di tablet e smartphone abbiano dilatato il mondo delle app e dei giochi touch screen a un enorme pubblico potenziale, le caratteristiche di utilizzo della loro interattività sono spesso frammentarie, compulsive e interrotte dalla compresenza di infinite e disparate sollecitazioni. Sono, in altre parole, strumenti affascinanti, ma poco adeguati ai ritmi di svago e di apprendimento dei più piccoli. Che li “rubano” volentieri a papà e mamma, per poi ritrovarsi immersi in un mondo che non è il loro. Continue reading “Kirby: una fiaba interattiva e una console meno nevrotica di tablet e smartphone” »

Sabato 12 aprile lezione di videogame per bambini a Milano!

Child of Light - Screenshot#4g.r. – Sabato 12 aprile a Milano, a partire dalle h 9.30, presso il Talent Garden di Milano (Via Merano, 16), i bambini dai 7 anni in su (fino ai 17) potranno partecipare gratuitamente ad una speciale lezione grazie alla quale impareranno a creare un vero videogame. Ogni partecipante riceverà il suo diplomino e porterà a casa il videogioco creato.

L’evento è firmato CoderDojo, un movimento senza scopo di lucro che si occupa di istituire dei club in giro per il mondo (in Italia sono presenti in 20 città) per organizzare incontri e corsi gratuiti dedicati ai bambini dove imparare a programmare. La special guest della lezione sarà Aurora, personaggio del videogame Child of Light. La giovane principessa sarà la protagonista dei videogiochi creati dai piccoli partecipanti.

Lezione videogame

Ancora sul Safer Internet Day

bambino_e_pc_jpgg.r. – Torno sul Safer Internet Day, dell’11 febbraio scorso, la giornata internazionale di sensibilizzazione all’uso sicuro della rete promossa dalla Commissione Europea.

Può sembrare un peccato che a predominare, nei confronti di internet, sia un aggettivo come “safer”, più sicuro: piuttosto di cautela che di scoperta. D’altra parte la tipologia dei reati commessi sulla Rete, dal cyberbullismo alla pedopornografia, dal furto di identità allo stalking, rende necessario – specie verso i minori – un atteggiamento prudenziale anche a costo d’intralciare atteggiamenti e attività che la tecnologia in sé può consentire. Meglio più vincolati e protetti che più liberi ed esposti.

Ma la questione rimane più culturale che tecnologica. Sono le persone che devono diventare più consapevoli. E c’è, nel termine inglese “safe”, una radice etimologica comune con un altro termine a cui la tecnologia ha dato un valore speciale: “save”, salvare. Questo vocabolo quasi teologico designa l’azione d’incidere i nostri ricordi su una memoria artificiale (salvare un file) in maniera da non perderli mai più.

Queste due esigenze, la sicurezza e la memoria, hanno molto in comune. Se è vero, infatti, che la smisurata capacità di memorizzazione e rintracciamento dei dati è la prerogativa forse più importante dell’era della Rete, che nulla dimentica e tutto ripropone, è anche vero che ciò non garantisce né la qualità dei ricordi né la loro paternità. E non certifica alcuna gerarchia di valori tra le mille informazioni della Rete.

È, anche questa, una falla di sicurezza. Le persone senza memoria, senza priorità in ciò che va ricordato, subiscono una violenza rispetto alla dignità umana e ai fini della vita. E spesso, a loro volta, infliggono violenza perché inseguono obiettivi parziali di appagamento e sopraffazione. Internet deve aiutare a “salvarci” anche sotto questo profilo. La strada “safer” passa dall’affermazione inequivoca di valori e di princìpi, nei “luoghi sociali” in cui le persone s’incontrano sulla Rete.

Digital kids, videogiochi e mondi della rete

g.r. – Digital kids all’Internet Festival di Pisa. Sabato 7 maggio, alle 15, terrò un seminario su “Videogiochi e mondi della rete. Digital kids, genitori e insegnanti”. Questo il link per conoscere il programma dell’evento.

Il “divario digitale” è fra noi: sembra che si dilati l’abisso tra le nuove generazioni, abilissime nell’uso delle tecnologie e dei linguaggi tra i quali sono nati, e le generazioni precedenti, che invece – dicono non pochi studiosi – non sono in grado di tenere il passo con il velocissimo procedere dei nuovi media. Ammesso e non concesso che tutto ciò sia vero, resta fermo un punto fondamentale: che davanti all’era digitale gli adulti
sono chiamati alla responsabilità di conoscere i “mondi” frequentati dai loro figli e allievi, e hanno il compito di accompagnarli anche nelle nuove frontiere: videogame, social network, comunità online e tutte le nuove tribù nelle quali si aggregano oggi i più giovani. I videogiochi oggi sono tutt’altro che giocattoli o banalità: compongono il mercato più ricco e diffuso dell’intero circo mediatico. E le possibilità offerte dal web anche tramite gli smartphone sono straordinarie e virtualmente illimitate. Opportunità né da temere né da banalizzare, ma da conoscere per capirle insieme, come sempre accade nelle migliori famiglie.

Digitalkids © 2013 Frontier Theme